Print pagePDF pageEmail page

fACTORy32 | Milano

18, 19, 20 ottobre 2019
Venerdì e sabato ore 21:00 – domenica ore 16:00

È TUTTO DA VEDERE

con: Martino Corti e Vanessa Korn
chitarra, loop station e tutto il resto: Luca Nobis
musiche originali: Martino Corti e Luca Nobis

regia: Vanessa Korn
produzione: Cimice

È tutto da vedere è lo spettacolo che darà il via alla nuova stagione 2019/2020 di fACTORy32, un viaggio delicato e ironico nella vita di una coppia di trentenni che scoprono di essere incinti.
Interpretato dal cantautore e attore Martino Corti e dall’attrice Vanessa Korn, lo spettacolo rievoca voci e ricordi del passato, desideri e paure del futuro. I due protagonisti ripercorrono sul palcoscenico le diverse fasi del loro rapporto: il primo incontro, il primo bacio, tutte le loro prime volte, fino al primo abbraccio in tre, che rappresenta il qui e ora dello spettacolo, e la paura, la bellissima paura, di non sapere cosa accadrà il secondo successivo. Gli ingredienti principali della storia sono: la coppia, la relazione con se stessi e con gli altri e una pancia che cresce e che inchioda i due personaggi al presente, trascinandoli in un vero e proprio caos meraviglioso.
Un ruolo fondamentale è svolto dalla musica grazie anche alla collaborazione con Luca Nobis, (chitarra, loop station e tutto il resto) autore insieme a Corti dei brani originali, scritti appositamente per lo spettacolo.

Il punto di vista di Margareth

L’inizio di stagione del fACTORy32 è senza dubbio alcuno garbatamente coinvolgente e scoppiettante.

Le tematiche della “coppia” sono spesso spunti per pièce teatrali e questa volta, la disanima a cui assistiamo, segue lo sviluppo di una contemporaneità che appartiene alla quasi maggioranza delle coppie e, aggiungo, di oggi e di ieri. Diventare GENITORI è il traguardo che investe le coppie di ogni epoca ed età … non è mica uno scherzo diventare papà e mamma!

Senza incertezza, questo spettacolo, ti strappa il sorriso sin dal primo momento in cui si accendono i riflettori sui due protagonisti: colti nel momento più topico della scoperta, e increduli restano pietrificati dalla constatazione … un esserino è piombato nelle loro vite … all’improvviso. Da quel momento in avanti, si susseguono flashback che raccontano il passato e il futuro, intervallati da ritorni al presente per ricordare al pubblico da dove siamo partiti e dove stiamo andando. Ai dialoghi si innescano musiche e canzoni e il ritmo non cala mai come l’attenzione del pubblico che, continuamente, è stimolato alla partecipazione.

Infatti, il mettersi in discussione dei due protagonisti diventa anche un nostro cruccio e anche la presa visione delle situazioni tragi-comiche a cui si giunge nel percorso che porta la coppia a comprendere la propria propensione a diventare ed essere dei buoni mamma e papà.

Emergono, allora, tutte le tensioni tenute e trattenute dentro, quelle mai palesate apertamente eppure così vive e logoranti; le dinamiche dell’amore quando cambia i suoi tempi e l’attrazione che si traspone alle priorità; le cadute e le risalite; gli stalli e le emozioni ritrovate, il mutare del corpo e non essere pronti a vedersi con nuovi occhi …

C’è di fatto che, quello del genitore è il lavoro più arduo che esista e, mentre ridiamo con tutta la leggerezza che questa pièce regala, ci giochiamo la partita del cuore: saremo dei bravi e buoni genitori? Del resto, genitori si diventa anche quando non si è affatto pronti … la scommessa è sempre aperta con la vita!

Margareth Londo

fACTORy32 – via Watt, 32 – Milano

Per info e prenotazioni: info@factory32.it

Categories: IN EVIDENZA, PROMPT

Leave a Reply