Print pagePDF pageEmail page
 

TEATRO NUOVO – MILANO

 
dall’11 al 16 dicembre 2012
 
 

Materiali Resistenti Dance Factory

 
presenta
 
 

WATERWALL

 
 
coreografie  IVAN MANZONI
musica originale  DOMENICO MEZZATESTA
disegno luci originale  JOHN FINEN
adattamento scenico  GIANNI MELIS
 
assistente coregrafie  GUENDALINA AGLIARDI
disegno luci  ADRIANO PISI
direzione tecnica  GIANNI MELIS
 
danzatori:
Maria Agatiello, Elena Annovi, Valentina Beretta, Lydia Colombelli, 
Serena Ferri, Simone Fusco, Marika Gangemi, Marco Gerace, Micaela
Lancione, Daniele Redavid, Marco Ticli, Monica Vallini, Marco Zanotti
 
 
 
Nel 2003 il premio “Total Theater Award” al Fringe Festival di Edimburgo
Nel 2004 il premio come spettacolo preferito dal pubblico e dalla critica al Festival Just Pour Rire di Montréal
 
 
 
“Waterwall” una creazione nata nel ’99 che continua a stupire e catturare il pubblico. La critica lo definisce “physical theater”; una macchina scenica pensata e realizzata per consentire ai danzatori-acrobati evoluzioni e soluzioni aeree diversificate in continua e costante relazione con l’elemento acqua.
 
L’attraversare la barriera d’acqua che fluisce senza pausa diventa la sfida dinamica e accattivante dei protagonisti in scena.
Il susseguirsi di slanci acrobatici e momenti di danza crea un’altalena di emozionale impatto. Non solo. Il rumore della cascata d’acqua detta il ritmo del fluire e l’odore che si percepisce completa il quadro di questa sfida lunga circa 75 minuti.
 
All’acqua, si accosta il tempo musicale dell’uomo.
Fondamentale l’apporto dei brani che si susseguono. Scandiscono e delineano i momenti raccontando ora l’energia poi la dolcezza, la grinta e la giocosità…conducono la curiosità dello spettatore. Le luci, parallelamente, esaltano le evoluzioni acrobatiche, l’entrare e uscire dalla cascata, il creare giochi con l’acqua, sospensioni, accelerazioni, soste, ripensamenti, contrasti, guizzi.
E’ una “pirotecnica” scenica questo Waterwall. Un’entusiasmante sfida che nasce e si esaurisce ma che lascia dentro gli spettatori, oltre che nei danzatori-acrobati, un grande slancio energetico!
 
M. Londo
 
 
 
 
 
 
 
 
Categories: IN EVIDENZA

Leave a Reply